Pnrr, scippi al Sud. G. Viesti chiede l’intervento di Draghi, ma i “lupi” non diverranno mai “cani pastore”. Gli “agnelli” devono salvarsi da soli

Governo dei sedicenti “migliori” che da un lato dichiara di volere ridurre lo storico divario Nord-Sud e dall’altro non solo lo alimenta assegnando, ad esempio, fondi per gli asili nido a Milano e non a Venafro, non solo lo perpetua confermando il criterio della spesa storica per la ripartizione delle risorse pubbliche complessive pro-capite anche per il 2022, ma addirittura mira pure ad istituzionalizzarlo tramite l’attuazione dell’autonomia differenziata richiesta dalle Regioni Veneto, Lombardia ed Emilia-Romagna.

0
364

Nel corso delle ultime settimane, l’economista Gianfranco Viesti, autore del famoso saggio Verso la secessione dei ricchi?, ha denunciato dalle pagine dl “Mattino” la mancanza di rigore, di dibattito pubblico e di trasparenza che caratterizza la gestione dei circa 220 miliardi di euro del Piano nazionale di ripresa e resilienza.

Dopo avere ricostruito i fatti relativi alla “scarsa trasparenza del Recovery Università”, che, nella sua ultima versione, denuncia Viesti, rispetto al vincolo di spesa del 40% delle risorse del Pnrr al Sud, ha sottratto a quelle meridionali quasi 80 milioni di euro, l’economista pugliese pone la seguente domanda: “Possibile che decisioni così rilevanti siano prese con queste modalità, e che la Presidenza del Consiglio e la Cabina di regia – cui spettano compiti generali di supervisione – non intervengano?”

In tutta umiltà e con il massimo rispetto per la figura, la produzione scientifica e l’impegno pedagogico-civile di Gianfranco Viesti, non si può non osservare che sì è possibile che tutto ciò accada, in quanto è coerente con il quadro complessivo dell’azione del Governo Draghi.

Governo dei sedicenti “migliori” che da un lato dichiara di volere ridurre lo storico divario Nord-Sud e dall’altro non solo lo alimenta assegnando, ad esempio, fondi per gli asili nido a Milano e non a Venafro, non solo lo perpetua confermando il criterio della spesa storica per la ripartizione delle risorse pubbliche complessive pro-capite anche per il 2022, ma addirittura mira pure ad istituzionalizzarlo tramite l’attuazione dell’autonomia differenziata richiesta dalle Regioni Veneto, Lombardia ed Emilia-Romagna.

E il Governo Draghi alimenta il divario Nord-Sud e tutte le altre diseguaglianze territoriali, di genere, sociali e generazionali perché è espressione di forze politiche classiste ed antimeridionali, in primis la Lega Nord e il Partito democratico.

I “lupi” non diverranno mai “cani pastore”. Gli “agnelli” devono salvarsi da soli e lo devono fare anche in fretta.